Tuffo collettivo sabato 16 per un mare sempre pulito

L’associazione “Calabria: un mare d’amore” ritorna ad abbracciare il mare con un “tuffo collettivo in suo onore”, sabato 16 aprile alle ore 12 dalla spiaggia del quartiere Lido, (altezza Palace). Da un’idea dei veterani Bebi Crivaro, Tonino Transtevere e Mario Caccavari, fondatori del “Tuffo di Capodanno”, il gesto simbolico vuole essere propiziatorio per sentirsi uniti a tutti i calabresi nell’idea del rispetto di questa risorsa preziosa di cui la nostra regione beneficia e nello stesso tempo dare il via alla nuova stagione calda e ad una serie di iniziative pensate per la prossima estate.  Le acque della Calabria, come sempre sottolineano i soci, sono oltre che un elemento naturale da difendere un riferimento di appartenenza storica e culturale a cui si dovrebbe costantemente rifarsi per coltivare ed alimentare l’orgoglio di essere nati in questa terra. 

Un concetto questo che “Calabria: un mare d’amore” ha iniziato a diffondere, oltre che con il tuffo collettivo il primo giorno dell’anno arrivato all’ottava edizione, anche con la staffetta di nuoto lo scorso 7 agosto, da Lido a Copanello, che sarà ripetuta la prossima estate ed il periplo in canoa da Rocca Imperiale e Tortora fino a Reggio Calabria che partirà il 23 luglio con due sportivi, Vanessa Cardamone e Nicola Lanciano.

L’invito  è  esteso a tutti coloro che avessero voglia di dimostrare al mare quanto bene si vuole e che lo si desidera avere sempre più blu. Saranno presenti l’associazione “H2O” dei canoisti, le società sportive di nuoto, Gas, Calabria swim race e Catanzaro nuoto. In concomitanza al tuffo, al suono della canzone del cantautore calabrese Rino Gaetano “Ma il cielo è sempre più blu”, verranno rilasciati palloncini gialli e blu,  colori del sole e dell’acqua, come metaforici messaggeri tra la nostra terra, il mare ed il cielo.