Nascosto nel bagno dopo furto notturno in pub del Centro

Arrestato dai Carabinieri e condannato all’obbligo di dimora

Si era nascosto dietro una pila di bidoncini di plastica, nel soppalco del bagno.Un rifugio troppo infantile per i carabinieri che, allertati da una telefonata, erano intervenuti a controllare i locali di un pub di via XX Settembre.

Di fronte a loro una vecchia conoscenza, il 42enne Giovanni Di Bona, pregiudicato per reati contro il patrimonio ed altro, attualmente sorvegliato speciale con obbligo di soggiorno.

Durante la notte (le 3.00 del mattino), il ladro era penetrato nel pub e dopo aver infranto il vetro d’ingresso, aveva rastrellato il registratore di cassa trovandovi l’esigua somma di 20 euro.

Nel corso dell’ arresto il Di Bona ha opposto resistenza ai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile, strattonandoli e rifiutandosi di salire a bordo dell’auto di servizio.

L’udienza di convalida gli ha (solo) confermato l’obbligo di dimora, misura che mal si concilia con la sua pingue carriera criminale e che costringerà i militari al costante e sistematico controllo delle sue mosse.