Arrestato l’omicida di via Milano, insospettabile centauro-killer

Le prime foto di Marco Gallo, 32 anni, imputato del delitto Gregorio Mezzatesta

Un lavoro lungo e certosino, basato su qualche fondamentale testimonianza oculare ma soprattutto sulla ricostruzione mobile del killer attraverso i filmati delle telecamere fisse in entrata ed in uscita dal capoluogo di regione.

Così la procura della repubblica ed i carabinieri hanno arrestato un giovane insospettabile, Marco Gallo, 32 anni, di Lamezia Terme, residente a Falerna.

Sarebbe lui, secondo l’ordinanza di custodia cautelare in carcere firmata dal GIP dott. ssa Giovanna Gioia, l’autore del plateale omicidio del ferroviere Gregorio Mezzatesta, ucciso al mattino del 24 giugno scorso  in via Milano, davanti alla stazione delle Ferrovie della Calabria di Catanzaro.

RIVEDI LE IMMAGINI DELL’OMICIDIO A CATANZARO DEL 24 GIUGNO 2017

LA MATRICE MALAVITOSA

Le indagini, che si sono avvalse del contributo di un nucleo speciale di investigatori dell’Arma, sono state dirette dal Procuratore della Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri.

La matrice dell’omicidio sarebbe collegata alla criminalità organizzata operante nel territorio compreso tra Catanzaro e Lamezia Terme.

Gregorio Mezzatesta, di 54 anni vittima dell’omicidio, era infatti fratello di Domenico Mezzatesta, di 62 anni, accusato insieme al figlio Giovanni, di 43, del duplice omicidio avvenuto il 19 gennaio del 2013 in un bar di Decollatura dove furono assassinati Francesco Iannazzo e Giovanni Vescio, di 29 e 36 anni.

LE IMMAGINI IMPRESSIONANTI DEL DUPLICE OMICIDIO A DECOLLATURA