Conclusi rilievi Arpacal a Montauro: nessuna radioattività

Dopo l’allarme generato dal servizio televisivo de Le Iene.

Il mare e la spiaggia di Montauro non presentano alcun segno di radioattività. Il personale tecnico del Laboratorio Fisico “E. Majorana” del Dipartimento provinciale di Catanzaro dell’Arpacal (Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente della Calabria) ha concluso ieri, martedì 10 gennaio 2017,  le misure campali di radioattività sul tratto di spiaggia ricadente nel Comune di Soverato, iniziate lo scorso 14 dicembre.

Sono 250 i punti del solo tratto di costa che interessa il comune di Soverato, opportunamente georeferenziati, sui quali è stata eseguita una doppia misurazione: a livello del suolo e ad un metro di altezza, nonostante i protocolli di misura chiedano solo quest’ultima distanza da terra per le misurazioni. Anche questi risultati, come per i primi acquisiti lo scorso dicembre, confermano l’assoluta assenza di sorgenti radioattive di origine artificiale.

Il dr. Salvatore Procopio, fisico del Laboratorio “E. Majorana” del Dipartimento provinciale di Catanzaro dell’Arpacal, affiancato dal dr. Giuseppe Pellegrino, nei prossimi giorni proseguirà le misurazioni per concludere, come preannunciato in occasione delle misure campali eseguite a Calalunga di Montauro, fino a Copanello di Stalettì. Immediatamente dopo, infine, seguirà la redazione di un apposito report di dettaglio, che sarà consultabile sul sito web dell’Arpacal (www.arpacal.it).

IL PRIMO ALLARME DOPO UN SERVIZIO TELEVISIVO A LE IENE

I PRIMI DATI CHE HANNO SMENTITO I RILEVAMENTI DELLA DENUNCIA