Non solo maltrattamenti alla ex, incendia pure auto amiche di lei

Il presunto colpevole individuato dai carabinieri di Santa Caterina Jonio

Ha vietato all’ex compagna di vedere i loro due figli minori, poi ha incendiato le auto di due amiche che secondo lui la appoggiavano.

E’ finito in manette un 36enne di Santa Caterina Jonio, M.C. le sue iniziali, gravemente indiziato di maltrattamenti contro familiari, sottrazione di minori e danneggiamento con incendio.

La triste vicenda ha avuto inizio circa tre anni fa allorquando il soggetto, dopo il rifiuto della ex compagna di ripristinare il loro rapporto sentimentale, la buttava letteralmente fuori di casa, costringendola dal quel momento a vedere di nascosto i figli minorenni.

La situazione è definitivamente degenerata nella nottata del 4 luglio quando l’uomo appiccava il fuoco su due auto di proprietà di due donne del posto, ritenute dallo stesso colpevoli appoggiato la malcapitata donna.

Le indagini, svolte dai Carabinieri della Stazione di Santa Caterina dello Jonio e coordinate dalla Procura della Repubblica di Catanzaro, hanno consentito di ricostruire in maniera dettagliata l’escalation di violenza posta in essere dall’indagato, anche dinanzi ai figli minori, attraverso numerose testimonianze e, nell’ultimo caso, grazie anche all’acquisizione delle immagini di un impianto di videosorveglianza.

L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Catanzaro – Siano, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.